50 Anni dopo il concilio vaticano II: la legislazione canonica sui media

Autore:Adriana Chirico
Pagine:99-112
RIEPILOGO

1.I munera della Chiesa e la normativa sui media. - 2. Il diritto alla riservatezza e alla buona fama. - 3. Gli archivi nella normativa CEI.

 
ESTRATTO GRATUITO
ADRIANA CHIRICO
50 ANNI DOPO IL CONCILIO VATICANO II:
LA LEGISLAZIONE CANONICA SUI MEDIA
S: 1.I munera della Chiesa e la normativa sui media. – 2. Il diritto alla ri-
servatezza e alla buona fama. – 3. Gli archivi nella normativa CEI.
1. Una delle conquiste del Concilio Vaticano II, che ha conosciuto nei 50
anni successivi sviluppi originariamente imprevedibili, è stata quella della
piena valorizzazione degli strumenti di comunicazione sociale nella vita del-
la Chiesa.
È anche sotto tale riguardo che oggi, a mezzo secolo di distanza dall’as-
sise conciliare, appare interessante studiare i complessi proli canonistici
del rapporto che intercorre tra i munera propri della Chiesa e gli strumenti
di comunicazione sociale, anche in conseguenza delle emergenze nuove che
investono la tematica comunicativa.
Nel decreto conciliare Inter mirica vengono evidenziati tutti gli aspetti
potenzialmente positivi propri dei mezzi di comunicazione e verso di essi
l’autorità ecclesiastica si posiziona in termini propositivi e simpatetici e non
più difensivi e sospettosi. Tra le note di rilievo di questo fondamentale testo
conciliare vi è la chiaricazione anche sul piano semantico-cognitivo nei
confronti dei media. Per la prima volta, infatti, viene usata la dizione, che
anche il Codice di diritto canonico del 1983 ha fatto propria, di “strumenti
di comunicazione sociale”. Il Concilio esclude il ricorso a termini come l’i-
taliano “massa”, e l’inglese “mass media”, “mass communications”, perché
l’area semantica coperta da queste espressioni sta a signicare una nali-
tà massicante e omologatrice nell’uso dei mezzi comunicativi; anche l’e-
spressione francese “technique de diffusion”, assume un signicato talmente
tecnico da escludere concettualmente la componente umana della comuni-
cazione1. In Inter mirica (n.1) viene spiegato il signicato della preferenza
accordata alla dizione inne accolta: il termine instrumenta complica in sé
1 Per questi ragguagli, cfr. E. B, L’Inter mirica, introduzione, storia, discussione, com-
mento, documentazione, Roma, 1969, pp. 265-267.

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA