Allegato 7. Legge Regionale 26 gennaio 2004, n. 1

Pagine265-274

Page 265

Promozione dell'amministrazione elettronica e della società dell'informazione e della conoscenza nel sistema regionale.

Disciplina della "Rete telematica regionale toscana"

IL CONSIGLIO REGIONALE

Ha approvato

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA

Promulga la seguente legge:

CAPO I - Disposizioni generali

Art. 1 - Finalità

Art. 2 - Oggetto

Art. 3 - Definizioni

Art. 4 - Principî e criteri guida

Art. 5 - Trattamento di dati personali

Art. 6 - Coordinamento delle politiche e delle attività di settore

Art. 7 - Programmazione regionale e locale

CAPO II - Disciplina della Rete telematica Regionale Toscana

Art. 8 - Soggetti della Rete

Art. 9 - Compiti della Regione nella Rete

Art.10 - Convenzioni di adesione alla Rete

Art.11 - Forme organizzative della Rete

Art.12 - Assemblea

Art.13 - Comitato strategico

Art.14 - Coordinatore della rete

Art.15 - Direzione tecnico-operativa

Art.16 - Osservatorio degli utenti

Art.17 - Piano di attività annuale della Rete

Art.18 - Adempimento di obblighi ed oneri informativi

Art.19 - Norma finanziaria

CAPO III - Disposizioni transitorie

Art. 20 - Norme transitorie

Art. 21 - Entrata in vigore

Page 266

@Capo I

DISPOSIZIONI GENERALI

@@Art. 1

Finalità

  1. La Regione con la presente legge:

    a) favorisce il processo di innovazione organizzativa e tecnologica delle pubbliche amministrazioni del territorio regionale in un contesto organizzato di cooperazione istituzionale;

    b) promuove lo sviluppo della società dell'informazione e della conoscenza in ambito regionale a fini di progresso sociale e miglioramento della qualità della vita, favorendo la realizzazione personale e professionale nonché forme di cittadinanza attiva.

  2. Nel perseguimento delle finalità di cui al comma 1, la Regione opera per rimuovere e prevenire gli ostacoli che di fatto impediscono la piena parità di accesso alle informazioni e alle tecnologie dell'informazione e della comunicazione, tenendo conto in particolare delle situazioni di disabilità, disagio economico e sociale e diversità culturale.

    @@Art. 2

    Oggetto

  3. La presente legge ha ad oggetto la programmazione e la promozione delle attività volte a:

    a) realizzare modalità di amministrazione elettronica a fini sia di semplificazione, trasparenza e integrazione dei processi interni, sia di efficienza dei servizi per i cittadini e le imprese;

    b) contribuire ad attuare una strategia organica ed unitaria per lo sviluppo della società dell'informazione e della conoscenza.

  4. È altresì oggetto della presente legge la disciplina della Rete Telematica Regionale Toscana (RTRT), di seguito denominata Rete, quale forma stabile di coordinamento del sistema regionale delle autonomie locali e di cooperazione del sistema stesso con altri soggetti, pubblici e privati, nelle materie di cui al comma 1, nei modi e con i procedimenti previsti al Capo II.

    @@Art. 3

    Definizioni

  5. Ai fini della presente legge si intende per:

    a) amministrazione elettronica: l'organizzazione delle attività delle pubbliche amministrazioni fondata sull'impiego esteso e integrato delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione nello svolgimento delle funzioni e nell'erogazione dei servizi;

    Page 267

    b) società dell'informazione e della conoscenza: l'assetto delle società industriali avanzate, basato sulla centralità dell'informazione e della conoscenza quali risorse essenziali per lo sviluppo economico, sociale e culturale;

    c) punti di accesso assistito: postazioni per l'accesso in via telematica a servizi pubblici, da utilizzare con l'assistenza di personale addetto;

    d) programma a codice sorgente aperto: programma per elaboratore la cui licenza di distribuzione consente all'utente di accedere al codice sorgente per studiarne il funzionamento, apportarvi modifiche, mantenerlo nel tempo, estenderlo e ridistribuirlo;

    e) interconnessione di reti: collegamento tra più reti, anche tecnicamente differenti, atto a costituire un sistema integrato in grado di trasferire informazioni e di erogare servizi;

    f) interoperabilità dei sistemi: capacità di sistemi tecnicamente differenti di interagire e condividere dati e programmi informatici;

    g) cooperazione applicativa: modalità operativa di procedure informatiche diverse che cooperano nello svolgimento di una stessa funzione o di funzioni diverse tra loro correlate;

    h) reti civiche unitarie: aggregazioni di soggetti costituite su base territoriale per la promozione e lo sviluppo dell'amministrazione elettronica e della società dell'informazione nel territorio di riferimento.

    @@Art. 4

    Principî e criteri guida

  6. Nel perseguimento delle finalità di cui all'articolo 1, comma 1, lettera a), la Regione e i soggetti di cui all'articolo 8, comma 2, operano conformandosi ai seguenti principî e criteri guida:

    a) sviluppo coordinato dei sistemi informativi pubblici, valorizzazione e condivisione del patrimonio informativo pubblico, entrambi da perseguire secondo i modelli di cooperazione istituzionale definiti nella presente legge;

    b) valorizzazione, ai fini della presente legge, delle aggregazioni di soggetti costituite su base tematica o territoriale, comprese le reti civiche unitarie, e dei raccordi con le articolazioni territoriali dell'amministrazione statale;

    c) utilizzazione di standard informativi e documentali aperti negli scambi tra amministrazioni pubbliche e con riferimento ai dati da rendere pubblici;

    d) rispetto della normativa in materia di tutela delle persone e degli altri soggetti riguardo al trattamento dei dati personali, nonché in materia di...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA

VLEX uses login cookies to provide you with a better browsing experience. If you click on 'Accept' or continue browsing this site we consider that you accept our cookie policy. ACCEPT