DECRETO 28 maggio 2012 - Accettazione dell''aggiornamento per l''anno 2011 del piano di sviluppo proposto da Eni S.p.a. di nuova capacita'' di stoccaggio di gas naturale. (12A06832)

RIEPILOGO

.

 
INDICE
ESTRATTO GRATUITO

IL MINISTRO

DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Visto il decreto legislativo 23 maggio 2000, n. 164, recante "Attuazione della direttiva n. 98/30/CE recante norme comuni per il mercato interno del gas naturale, a norma dell'art. 41 della legge 17 maggio 1999, n. 144";

Visto il decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 130, recante "Misure per la maggiore concorrenzialita' nel mercato del gas naturale e trasferimento dei benefici risultanti ai clienti finali, ai sensi dell'art. 30, commi 6 e 7, della legge 23 luglio 2009, n. 99" nel seguito "Decreto legislativo";

Visto l'art. 5, comma 1, del Decreto legislativo che prevede che:

  1. il soggetto che aderisce all'attuazione delle misure ivi disciplinate assuma un impegno vincolante, anche in termini di caratteristiche prestazionali e tempi di realizzazione, a sviluppare nuove infrastrutture di stoccaggio di gas naturale o a potenziare quelle esistenti;

  2. le infrastrutture di stoccaggio di gas naturale di cui al precedente punto a) siano selezionate tra le iniziative di sviluppo infrastrutturale di cui all'art. 4, commi 1 e 3 del Decreto legislativo in modo da rendere complessivamente disponibile nuova capacita' di stoccaggio di gas naturale per un volume pari a 4 miliardi di metri cubi;

  3. l'impegno di cui al precedente punto a) possa essere assolto mediante stipula di appositi contratti:

    1. con imprese di stoccaggio controllate, controllanti o controllate da una medesima controllante, sulle quali ricadra' la responsabilita' per la puntuale realizzazione delle capacita' infrastrutturali oggetto dell'impegno e graveranno direttamente i connessi obblighi;

    2. con imprese di stoccaggio diverse da quelle del punto 1 e previa definizione, negli appositi contratti, dei casi di inadempimento e delle adeguate forme di garanzia in capo ai soggetti realizzatori;

      Visto l'art. 5, comma 3, del decreto legislativo che prevede che il soggetto che assume l'impegno vincolante a sviluppare nuove infrastrutture di stoccaggio di gas naturale o a potenziare quelle esistenti debba trasmettere al Ministero dello sviluppo economico, nel seguito Ministero, all'Autorita' garante della concorrenza e del mercato, nel seguito Autorita' garante, ed all'Autorita' per l'energia elettrica e il gas, nel seguito Autorita' di regolazione, entro il 1° settembre di ciascun anno un piano per la realizzazione della nuova capacita' di stoccaggio, nel seguito piano, o un aggiornamento del piano in essere, selezionando le infrastrutture di cui all'art. 4, commi 1 e 3 del Decreto legislativo e che detto piano sia comprensivo dei tempi e dei costi di realizzazione;

      Considerato che il piano, in base alle disposizioni dell'art. 5, comma 3, del Decreto legislativo, e' volto allo sviluppo di nuova capacita' di stoccaggio secondo criteri di efficacia, celerita' ed efficienza e, salvo casi di insuperabili impedimenti tecnici, e' realizzato non oltre 5 anni dall'adesione alle misure;

      Visto l'art. 5, comma 4, del Decreto legislativo che prevede che...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA