Sentenza nº 597 da C.G.A.R. Sicilia, 14 Novembre 2014

Date14 Novembre 2014
IssuerConsiglio di giustizia amministrativa per la Regione siciliana

Il CONSIGLIO DI GIUSTIZIA AMMINISTRATIVA PER LA REGIONE SICILIANA

in sede giurisdizionale

ha pronunciato la presente

DECISIONE

Raffaele Maria De Lipsis, Presidente

Antonino Anastasi, Consigliere

Ermanno de Francisco, Consigliere

Pietro Ciani, Consigliere

Giuseppe Mineo, Consigliere, Estensore

per la riforma

della sentenza del TAR SICILIA - CATANIA (Sez. III) n. 00197/2001 .

sul ricorso n. 462/ 2001 R.G. proposto da:

MINISTRO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, in persona del Miniastro pro tempore,

COMMISSIONE ESAMINATRICE n. 11 DELLA PROVINCIA DI CATANIA, - Esami di Stato della Classe V C del Liceo Scientifico Statale ? E.Maiorana? di San Giovanni la Punta - in persona

del suo Presidente

Entrambi rappresentati e difesi per legge dall'Avvocatura dello Stato, nella cui sede distrettuale in Palermo, via A. De Gasperi n. 81, sono domiciliati

IMBROSCIANO MAURO, rappresentato e difeso dall'avv. Andrea Scuderi, con domicilio eletto presso lo studio legale dell'avv. Allotta, in Palermo, via Trentacoste n. 89;

Visti il ricorso in appello e i relativi allegati;

Viste le memorie difensive;

Visti tutti gli atti della causa;

Relatore nell'udienza pubblica del giorno 11 dicembre 2013 il Cons. Giuseppe Mineo e uditi per le parti gli avvocati l'avv. dello Stato Mango;

Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue.

FATTO

Viene in discussione l'appello avverso la sentenza citata in epigrafe, con la quale il primo Giudice, accogliendo il ricorso dell'odierna parte appellata, ha annullato i provvedimenti con cui la Commissione indicata in epigrafe ha attribuito al ricorrente il punteggio di 98/100, poi riconfermato nel successivo provvedimento adottato in formale ottemperanza della misura cautelare disposta con decreto presidenziale n. 22/2000 del 25.08.2000.

All'appello resiste con controricorso l'appellato Imbrosciano, per l'integrale conferma della sentenza gravata e il definitivo annullamento dei provvedimenti impugnati.

Nell'udienza dell?11 dicembre 2013 l'appello è stato trattenuto per la decisione.

DIRITTO

In prime cure, il sig. Imbrosciano, odierna parte appellata, ha impugnato con un primo ricorso e poi con motivi aggiunti i provvedimenti di valutazione numerica delle prove scritte e dell'esito finale di maturità scientifica, lamentando difetto di motivazione ai sensi dell'art. 3, comma 6°, legge n. 425/1997 e la conseguente inottemperanza all'ordine di riesame formulato dal Presidente della Sezione del TAR adito con decreto n. 3420/2000.

Il primo Giudice, dopo aver discettato sulla distinzione concettuale tra ?motivazione? e ?giudizio?,

e aver ritenuto erronea - perché, si sostiene ?risultato di una non precisa conoscenza della lingua italiana da parte degli operatori del diritto? - la tesi...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA

VLEX uses login cookies to provide you with a better browsing experience. If you click on 'Accept' or continue browsing this site we consider that you accept our cookie policy. ACCEPT