N. 67 ORDINANZA (Atto di promovimento)

 
ESTRATTO GRATUITO

LA COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE Ha emesso la seguente ordinanza sul ricorso n. 807/07, depositato il 16 marzo 2007, avverso ruolo e cartella di pagamento n.

04820040018585517 27; Pubblicita' 2001 - Canoni;

Contro Comune di Genova, proposto dal ricorrente Mastrangelo Patrizio gia' socio acc. di Bar Mignon s.a.s di Mastrangelo Patrizio & C., via Salgari n. 71/B/6 - 16100 Genova.

O s s e r v a Il Concessionario del servizio nazionale di riscossione per la Provincia di Genova - GEST LINE S.p.A. - con la cartella indicata in epigrafe, richiedeva alla ditta Bar Mignon di Mastrangelo Patrizio &

C. S.a.s. c/o il socio accomandatario Mastrangelo Patrizio il pagamento della complessiva somma di euro 576,80 (comprensiva di interessi e spese) iscritta a ruolo dal Comune di Genova - Ufficio Tributi, a titolo di canone coattivo comunale sulla pubblicita' dovuto per l'anno 2001 (Ruolo n. 2004/5289 reso esecutivo in data 17 marzo 2004 Ruolo ordinario - avviso di pagamento n. 1832/2001 notificato il 27 novembre 2002).

Avverso questa cartella di pagamento Mastrangelo Patrizio, gia' socio accomandatario della ditta Bar Mignon di Mastrangelo Patrizio &

C., con sede ed attivita' in questa via Cesarea n. 14/R, ha proposto ricorso, consegnandone copia al Comune di Genova.

Con l'unico complesso motivo contesta la fondatezza della pretesa giacche' l'attivita' della ditta ha avuto termine in data 20 novembre 1998 per cessazione dell'azienda al sig. Cifariello Maurizio.

Precisa che in data 2 dicembre 1998 la societa' e' stata sciolta senza messa in liquidazione per atto notaio Novara Fabio in Genova Rep. 44145.

Chiede, pertanto, che venga dichiarato non dovuto l'importo iscritto a ruolo.

Si e' costituito il Comune di Genova in persona del sindaco pro tempore, prof. Giuseppe Pericu, rappresentato e difeso dal dott.

Ennio Dina, e in sua sostituzione dal dott. Domenico Finocchietti, in forza della ordinanza n. 20 del 31 gennaio 2007, autorizzato con delibera di Giunta.

Con l'atto di costituzione in giudizio e controdeduzioni depositato il 22 marzo 2007 eccepisce, in via pregiudiziale, il difetto di giurisdizione in quanto il ricorso doveva essere proposto dinanzi alla giustizia amministrativa.

Il Comune di Genova, infatti, dall'anno 2001, in sostituzione dell''imposta sulla pubblicita' ha adottato il 'canone' 'per il quale la competenza a giudicare sul presupposto impositivo era del t.a.r.' e non del giudice tributario.

Sottolinea che la modifica' apportata sul punto, con effetto dal 3 dicembre 2005, all'art. 2, comma 2, ultima parte, del d.lgs. n.

546/1992, dall'art. 3-bis, comma 1, lett. b) del d.1. 30 settembre 2000, n. 203, convertito con modificazioni con legge 2 dicembre 2005, n. 248, in assenza di norme transitorie, e' inapplicabile al caso di specie poiche' la modifica non ha riguardato anche i canoni che erano relativi ad annualita' per le quali la competenza era invece di un altro organo giurisdizionale.

Ne' vale ad escludere tale...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA