CONCORSO (scad. 9 dicembre 2008) - Concorso, per titoli ed esami, per il reclutamento di 25 tenenti in servizio permanente effettivo del ruolo tecnico-logistico-amministrativo del Corpo della Guardia di finanza.

 
INDICE
ESTRATTO GRATUITO

IL COMANDANTE GENERALE Visto l'art. 5, comma 1, del regio decreto-legge 4 ottobre 1935, n. 1961, recante 'Modificazioni alle disposizioni sul reclutamento degli ufficiali e dei sottufficiali della regia Guardia di finanza', convertito nella legge 9 gennaio 1936, n. 75;

Visto il decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 13 settembre 1946, n. 233, e successive modificazioni, recante 'Ricostituzione degli Ordini delle professioni sanitarie e per la disciplina dell'esercizio delle professioni stesse';

Viste le leggi 21 dicembre 1948, n. 1580, 13 ottobre 1965, n.

1172, e 27 febbraio 1974, n. 68, concernenti il trattamento economico spettante agli allievi delle accademie militari;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 5 aprile 1950, n.

221, e successive modificazioni, recante 'Approvazione del regolamento per la esecuzione del decreto legislativo 13 settembre 1946, n. 233, sulla ricostituzione degli Ordini delle professioni sanitarie e per la disciplina dell'esercizio delle professioni stesse';

Visto l'art. 70 della legge 10 aprile 1954, n. 113, recante 'Stato giuridico degli ufficiali dell'Esercito, della Marina e dell'Aeronautica';

Vista la legge 31 luglio 1954, n. 599, recante 'Stato giuridico dei sottufficiali dell'Esercito, della Marina e dell'Aeronautica', estesa, con varianti, alla Guardia di finanza con legge 17 aprile 1957, n. 260;

Vista la legge 23 aprile 1959, n. 189, e successive modificazioni, recante 'Ordinamento del Corpo della Guardia di finanza';

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 14 febbraio 1964, n. 237, recante 'Leva e reclutamento obbligatorio nell'Esercito, nella Marina e nell'Aeronautica';

Visti il decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642, recante 'Disciplina dell'imposta di bollo', e l'art. 19 della legge 18 febbraio 1999, n. 28, concernente 'Esenzione dall'imposta di bollo per copie conformi di atti';

Vista la legge 31 maggio 1975, n. 191, e successive modificazioni ed integrazioni, recante 'Nuove norme sul Servizio di leva';

Vista la legge 23 dicembre 1978, n. 833, recante 'Istituzione del Servizio sanitario nazionale';

Vista la legge 24 dicembre 1986, n. 958, e successive modificazioni ed integrazioni, recante 'Norme sul servizio militare di leva e sulla ferma di leva prolungata';

Visto l'art. 4 del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 22 luglio 1987, n. 411, recante 'Specifici limiti di altezza per la partecipazione ai concorsi pubblici', come modificato dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 26 giugno 2000, n.

227;

Vista la legge 23 agosto 1988, n. 370, recante 'Esenzione dall'imposta di bollo per le domande di concorso e di assunzione presso le amministrazioni pubbliche';

Vista la legge 18 febbraio 1989, n. 56, recante 'Ordinamento della professione di psicologo';

Vista la legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modifiche ed integrazioni, recante 'Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi';

Vista la legge 27 dicembre 1990, n. 404, recante 'Nuove norme in materia di avanzamento degli ufficiali e sottufficiali delle Forze armate e del Corpo della Guardia di finanza', e successive modifiche;

Visto il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante 'Approvazione del testo unico delle disposizioni legislative in materia di istruzione, relative alle scuole di ogni ordine e grado';

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994, n.

487, e successive modificazioni, concernente 'Regolamento recante norme sull'accesso agli impieghi nelle pubbliche amministrazioni e le modalita' di svolgimento dei concorsi, dei concorsi unici e delle altre forme di assunzione nei pubblici impieghi';

Visto l'art. 30 del decreto legislativo 12 maggio 1995, n. 196, recante 'Attuazione dell'art. 3 della legge 6 marzo 1992, n. 216, in materia di riordino dei ruoli, modifica alle norme di reclutamento, stato ed avanzamento del personale non direttivo delle Forze armate';

Visto il decreto legislativo 12 maggio 1995, n. 199, recante 'Attuazione dell'art. 3 della legge 6 marzo 1992, n. 216, in materia di nuovo inquadramento del personale non direttivo e non dirigente del Corpo della Guardia di finanza';

Vista la legge 15 maggio 1997, n. 127, e successive modificazioni ed integrazioni, recante 'Misure urgenti per lo snellimento dell'attivita' amministrativa e dei procedimenti di decisione e di controllo';

Vista la legge 16 giugno 1998, n. 191, recante 'Modifiche ed integrazioni alle leggi 15 marzo 1997, n. 59, e 15 maggio 1997, n.

127, nonche' norme in materia di formazione del personale dipendente e di lavoro a distanza nelle pubbliche amministrazioni. Disposizioni in materia di edilizia scolastica';

Vista la legge 8 luglio 1998, n. 230, e successive modificazioni ed integrazioni, recante 'Nuove norme in materia di obiezione di coscienza', nonche' la legge 6 marzo 2001, n. 64, concernente 'Istituzione del Servizio civile nazionale';

Vista la legge 20 ottobre 1999, n. 380, recante 'Delega al Governo per l'istituzione del servizio militare volontario femminile';

Visto il decreto legislativo 31 gennaio 2000, n. 24, recante 'Disposizioni in materia di reclutamento su base volontaria, stato giuridico e avanzamento del personale militare femminile nelle Forze armate e nel Corpo della Guardia di finanza, a norma dell'art. 1, comma 2, della legge 20 ottobre 1999, n. 380';

Vista la legge 31 marzo 2000, n. 78, ed, in particolare, l'art. 4, recante 'Delega al Governo in materia di riordino dell'Arma dei carabinieri, del Corpo forestale dello Stato, del Corpo della guardia di finanza e della Polizia di Stato. Norme in materia di coordinamento delle Forze di polizia';

Visto il decreto ministeriale 17 maggio 2000, n. 155, concernente 'Regolamento recante norme per l'accertamento dell'idoneita' al servizio nella Guardia di finanza, ai sensi dell'art. 1, comma 5, della legge 20 ottobre 1999, n. 380';

Visto il decreto del Comandante Generale della Guardia di finanza n. 416631, datato 15 dicembre 2003, e successive modificazioni ed integrazioni, riguardante le direttive tecniche da adottare ai sensi dell'art. 3, comma 4, del decreto ministeriale 17 maggio 2000, n.

155;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, e successive modificazioni, recante 'Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa (Testo A)';

Visto il decreto legislativo 19 marzo 2001, n. 69, recante 'Riordino del reclutamento, dello stato giuridico e dell'avanzamento degli ufficiali del Corpo della Guardia di finanza, a norma dell'art.

4 della legge 31 marzo 2000, n. 78';

Visto il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni ed integrazioni, recante 'Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche';

Visto il decreto ministeriale 29 ottobre 2001, recante 'Attuazione dell'art. 5, comma 2, del decreto legislativo 19 marzo 2001, n. 69, riguardante l'individuazione dei titoli di studio per la partecipazione ai concorsi per ufficiali del Corpo della Guardia di finanza';

Visto il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, recante 'Codice in materia di protezione dei dati personali';

Visto il decreto ministeriale 5 marzo 2004, n. 94, recante 'Regolamento concernente le modalita' di svolgimento dei corsi di formazione per l'accesso ai ruoli normale, aeronavale, speciale e tecnico-logistico-amministrativo degli ufficiali della Guardia di finanza, ivi comprese quelle di formazione delle graduatorie, nonche' le cause e le procedure di rinvio e di espulsione';

Vista la legge 23 agosto 2004, n. 226, recante 'Sospensione anticipata del servizio obbligatorio di leva e disciplina dei volontari di truppa in ferma prefissata, nonche' delega al Governo per il conseguente coordinamento con la normativa di settore';

Visto il decreto ministeriale 25 novembre 2005, recante 'Definizione della classe del corso di laurea magistrale in giurisprudenza';

Visto il decreto ministeriale 16 marzo 2007, recante 'Determinazione delle classi di laurea magistrale';

Vista la determinazione del Comandante Generale della Guardia di finanza n. 98635, datata 26 marzo 2008, registrata al Dipartimento Ragioneria Generale dello Stato - Ufficio Centrale del Bilancio presso il Ministero dell'Economia e delle Finanze, il 28 marzo 2008, al n. 3286, concernente l'attribuzione di specifiche competenze alle varie Autorita' gerarchiche del Corpo;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 26 giugno 2008, recante 'Autorizzazione ad assumere personale a tempo indeterminato per la Polizia di Stato, l'Arma dei Carabinieri, il Corpo della Guardia di finanza, il Corpo di polizia penitenziaria ed il Corpo forestale dello Stato, ai sensi dell'art. 3, comma 89, della legge 24 dicembre 2007, n. 244';

Viste le note n. 41818, in data 18 settembre 2008, della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento della Funzione Pubblica - U.P.P.A. e n. 110072, in data 22 settembre 2008, del Ministero delle Finanze - Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato - I.G.O.P., con le quali e' stata autorizzata la rimodulazione delle predette assunzioni;

Considerata l'opportunita' di prevedere che, alle prove concorsuali successive a quella preliminare, venga ammesso un numero di concorrenti idonei sufficiente, comunque, a garantire una adeguata e...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA