LEGGE REGIONALE 28 dicembre 2007, n. 33 - Disposizioni legislative per l''attuazione del documento di programmazione economico-finanziaria regionale, ai sensi dell''art. 9-ter della legge regionale 31 marzo 1978, n. 34 (Norme sulle procedure della programmazione, sul bilancio e sulla contabilita'' della Regione) - Collegato 2008.

 
ESTRATTO GRATUITO

Disposizioni legislative per l'attuazione del documento di programmazione economico-finanziaria regionale, ai sensi dell'art.

9-ter della legge regionale 31 marzo 1978, n. 34 (Norme sulle procedure della programmazione, sul bilancio e sulla contabilita' della Regione) - Collegato 2008.

(Pubblicata nel 1° suppl. ord. al Bollettino ufficiale della Regione Lombardia n. 52 del 29 dicembre 2007) IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE Promulga la seguente legge regionale:

Art. 1.

Razionalizzazione delle procedure di acquisto e interventi per il conseguimento degli obiettivi di finanza pubblica da parte del sistema regionale - Modifiche alle leggi regionali n. 14/1997 e n. 30/2006.

  1. Alla legge regionale 19 maggio 1997, n. 14 (Disciplina dell'attivita' contrattuale della Regione, degli enti ed aziende da essa dipendenti, compresi gli enti operanti nel settore della sicurezza sociale e le aziende operanti nel settore dell'assistenza sanitaria) sono apportate le seguenti modifiche:

    1. il comma 3-bis dell'art. 3 e' sostituito dal seguente:

      '3-bis. Ferme restando le competenze dei funzionari delegati di cui al titolo VI del regolamento regionale 2 aprile 2001, n. 1 (Regolamento di contabilita' della Giunta regionale), la Giunta regionale, in attuazione dell'art. 125 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 (Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE), stabilisce con deliberazione:

    2. modalita', anche con riferimento alla programmazione, oggetti e limiti di importo per l'acquisizione di beni e servizi in economia;

    3. oggetti e limiti di importo per le spese di competenza dei funzionari delegati;

    4. direttive per l'applicazione di quanto previsto alle lettere a) e b), da parte dei soggetti del sistema regionale di cui all'art. 1 della legge regionale 27 dicembre 2006, n. 30 (Disposizioni legislative per l'attuazione del documento di programmazione economico-finanziaria regionale, ai sensi dell'art. 9-ter della legge regionale 31 marzo 1978, n. 34 'Norme sulle procedure della programmazione, sul bilancio e sulla contabilita' della Regione' Collegato 2007).';

    5. il comma 7 dell'art. 3 e' sostituito dal seguente:

      '7. Le procedure di acquisto sono esperite anche attraverso l'utilizzo di sistemi e strumenti telematici, come previsti dalla normativa nazionale, ovvero mediante il ricorso a infrastrutture tecnologiche appositamente predisposte, nonche' avvalendosi di modalita' centralizzate di acquisto, ivi compresa la centrale regionale acquisti istituita ai sensi dell'art. 33 del decreto legislativo n. 163/2006 e dell'art. 1, comma 455 della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato 'Legge finanziaria 2007') nel rispetto dei principi di tutela della riservatezza e della concorrenza, di semplificazione, trasparenza ed economicita' dell'azione amministrativa, nonche' di parita' di trattamento dei partecipanti.';

    6. i commi 3, 7-bis, 7-ter, 7-quater e 7-quinquies dell'art. 3 sono abrogati.

  2. Dalla data di pubblicazione sul BURL della deliberazione di cui al comma 3-bis dell'art. 3 della legge regionale n. 14/1997, come modificata dalla presente legge, e' abrogato l'art. 32 del regolamento regionale 2 aprile 2001, n. 1 (Regolamento di contabilita' della Giunta regionale).

  3. In attuazione dei commi 449 e 455 dell'art. 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato 'Legge finanziaria 2007'), le funzioni di centrale di committenza di cui all'art. 33 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 (Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE) a favore dei soggetti indicati nell'art. 1, comma 455 della legge n. 296/2006, sono svolte da Lombardia Informatica S.p.A., che opera come Centrale regionale acquisti.

  4. La Centrale regionale acquisti, sulla base della programmazione regionale degli acquisti e con riferimento alle esigenze degli enti di cui all'art. 1 della legge regionale 27 dicembre 2006, n. 30 (Disposizioni legislative per l'attuazione del documento di programmazione economico-finanziaria regionale, ai sensi dell'art.

    9-ter della legge regionale 31 marzo 1978, n. 34 'Norme sulle procedure della programmazione, sul bilancio e sulla contabilita' della Regione' - Collegato 2007), provvede, in particolare a:

    1. stipulare convenzioni di cui all'art. 26 della legge 23 dicembre 1999, n. 488 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato 'Legge finanziaria 2000'), in cui le imprese aggiudicatarie si obbligano ad accettare, sino a concorrenza della quantita' massima stabilita da ciascuna convenzione, ai prezzi ed alle altre condizioni ivi previsti, ordinativi di fornitura emessi dai soggetti di cui al comma 3;

    2. aggiudicare appalti di beni e servizi destinati ad uno o piu' soggetti di cui al comma 3;

    3. concludere accordi quadro ai sensi dell'art. 59 del decreto legislativo n. 163/2006 e istituire sistemi dinamici di acquisto ai sensi dell'art. 60 del decreto legislativo n. 163/2006 destinati ai soggetti di cui al comma 3.

  5. La Giunta per ogni esercizio finanziario, presenta una relazione alla commissione consiliare competente per la materia di programmazione e bilancio.

  6. La Centrale regionale acquisti si avvale della piattaforma regionale per l'E-procurement denominata Sistema di intermediazione telematica (Sintel), di cui all'Accordo di Programma Quadro 'Societa' dell'informazione', sottoscritto in data 4 aprile 2005, per lo svolgimento delle procedure di affidamento da gestire, in tutto o in parte, con sistemi telematici, curandone altresi' lo sviluppo e promuovendone l'utilizzo da parte dei soggetti di cui al comma 3.

  7. Alla legge regionale n. 30/2006 e' apportata la seguente modifica:

    1. dopo la lettera c) del comma 2 dell'art. 1 e' aggiunta la seguente:

    'c-bis) la Giunta regionale per la salvaguardia dei diritti e degli interessi della Regione, anche in relazione ai rapporti con la Commissione europea e le altre istituzioni dell'Unione europea, adotta misure di coordinamento, di collaborazione e di affiancamento, nei confronti dei soggetti indicati nell'elenco di cui al comma 1 per:

    1) prevenire o limitare le controversie, nonche' assicurare la gestione efficace delle stesse;

    2) uniformare azioni e comportamenti per l'applicazione delle norme e dei provvedimenti comunitari.'.

  8. Nell'esercizio dell'autonomia organizzativa interna, di cui all'art. 117, quarto comma della Costituzione, e tenuto conto delle peculiarita' dell'ordinamento regionale, ai sensi dell'art. 1, comma 3 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 (Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche), la Regione e gli enti del sistema regionale di cui alle lettere a) 'Enti dipendenti' e c) 'Altri enti pubblici' dell'allegato A alla legge regionale n. 30/2006, possono ricorrere alle forme contrattuali di lavoro flessibile previste dalla vigente legislazione unicamente per comprovate esigenze connesse alla specificita' organizzativa, funzionale e professionale nonche' alle caratteristiche di ogni singolo...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA