TRIBUNALE AMMINISTRATIVO DEL LAZIO

 
ESTRATTO GRATUITO

Notifica a mezzo pubblici proclami

MIGLIORINI ORESTE, nato Civitella Val di Chiana (AR) il 21.12.1950, residente in Via dei Pecori n. 9 ad Arezzo, c.f.MGLRST50T21C774K, rappresentato e difeso dagli Avv.ti Corrado Mauceri, Luca Marchi e Fausto Buccellato contro Ministero dell'economia e delle Finanze, in persona del Ministro pro-tempore in carica; ed altri per l'annullamento del provvedimento del Direttore del Dipartimento per le Politiche Fiscali-Uff. Amministrazione delle Risorse - prot. n. 2001 - 83147 dell'11/12/01, comunicato in data 27/02/2001, con il quale e' stata approvata la graduatoria di merito in parte de quo del concorso per titoli di servizio, professionali e di cultura, integrato da colloqui, per il conferimento di 163 posti di Dirigente del personale del Ministero delle Finanze escluso quello del Dipartimento delle Dogane e delle I.I., indetto con D.D. del 2/7/97 (in G.U. serie speciale n. 53 dell'8/7/97); della graduatoria del concorso de quo nella parte concernente il punteggio attribuito al ricorrente; di tutti gli atti della commissione esaminatrice del concorso de quo, ivi compresi i giudizi formulati sia nelle valutazioni dei titoli sia nel colloquio orale, nonche' tutti gli atti presupposti, connessi e conseguenti ancorche' non conosciuti. Il ricorso e' stato depositato al TAR del Lazio in data 9 maggio 2002 ed e' iscritto con R.G. n. 4991/02. Il ricorrente ha dedotto i seguenti motivi: 1) violazione dell'art. 21 del dpcm 21/4/94 n. 439 e dell'art. 3 del bando di concorso con riferimento al dpr 9/5/94 n. 487 e successive modifiche. eccesso di potere per difetto di istruttoria e motivazione. Difatti la Commissione non ha valutato titoli che il ricorrente ha regolarmente documentato; 2) ulteriore violazione dell'art. 3 del bando di concorso del dpcm n.439/94 con riferimento ai criteri di valutazione dei titoli predeterminati dalla commissione esaminatrice. eccesso di potere per difetto di istruttoria e motivazione. Il ricorrente denuncia l'erronea o l'omessa valutazione di titoli documentati. 3) violazione dell'art. 3 del bando di concorso. eccesso di potere per difetto di motivazione e di istruttoria. illogicita'. La Commissione ha omesso di indicare se ed in quale misura ha valutato la prova facoltativa di lingua straniera. Con ordinanza presidenziale del 19 maggio 2008 il TAR Lazio ha...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA