DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 27 aprile 2011, n. 92 - LR 1/2004, art. 5, commi 1 e 2. Regolamento recante criteri e modalita' per la concessione di contributi destinati a sostenere il servizio di fornitura di libri di testo in comodato gratuito, in attuazione di quanto previsto dall'articolo 5, commi 1 e 2 della legge regionale 26 gennaio 2004, n. 1 (Legge finanziaria 2004).

 
ESTRATTO GRATUITO

(Pubblicato nel Bollettino ufficiale della Regione Friuli-Venezia Giulia n. 19 dell'11 maggio 2011) IL PRESIDENTE Viste le disposizioni di cui all'art. 5, commi 1 e 2 della legge regionale 26 gennaio 2004, n. 1 (Disposizioni per la formazione del bilancio pluriennale ed annuale della Regione (Legge finanziaria 2004), ai sensi delle quali la Regione concorre mediante contributi annuali al finanziamento delle spese sostenute dalle istituzioni scolastiche statali e paritarie che provvedono alla fornitura di libri di testo in comodato gratuito agli alunni iscritti alla scuola secondaria di primo grado e alle prime due classi della scuola secondaria di secondo grado;

Atteso che le disposizioni medesime individuano i parametri per la quantificazione di detti contributi e disciplinano alcuni aspetti procedurali, stabilendo gli elementi essenziali della domanda e prevedendo in particolare che:

alla concessione ed erogazione dei contributi si provvede in via anticipata;

con proprie direttive la giunta regionale provvede a definire indirizzi e criteri per la consultazione delle istituzioni scolastiche ai fini della programmazione specifica delle modalita' attuative degli interventi, nonche' per la determinazione della quota dello stanziamento autorizzato dal bilancio regionale che e' assegnato alle istituzioni scolastiche stesse per la copertura degli oneri di organizzazione e gestione del servizio di comodato;

Attesa la necessita' di definire in via regolamentare la dettagliata disciplina dei criteri e delle modalita' di concessione dei contributi di cui trattasi;

Dato atto che i contenuti del testo regolamentare predisposto a tale scopo dalla direzione centrale istruzione, universita', ricerca, famiglia, associazionismo e cooperazione sono coerenti con le modalita' di organizzazione e gestione degli interventi, come definite a seguito della consultazione delle istituzioni scolastiche effettuata secondo le direttive di cui alla deliberazione della giunta...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA