COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE SERVIZI TECNICI (scad. 19 novembre 2010) - BANDO DI GARA - PROCEDURA APERTA

 
ESTRATTO GRATUITO

BANDO DI GARA - PROCEDURA APERTA 1) Ente appaltante: Comune di Firenze - Direzione Servizi Tecnici Servizio Belle Arti e Fabbrica di Palazzo Vecchio - via Giotto, 4 50144 Firenze - tel.055-262.4482, fax 055/262.4467 - indirizzo internet:

http://www.comune.firenze.it/opencms/export/sites/retecivica/amm/atti _e_documenti/bandi/ 2) Procedura aperta con le modalita' del D.Lgs.

n. 163/2006 e ss.mm..

3) Oggetto dell'appalto: Fornitura e posa in opera del piano allestimenti arredi PIUSS la 'La citta' dei Saperi' ex Murate (lotto unico), meglio descritta nel capitolato speciale d'appalto e nel relativo allegato A 'elenco descrittivo e specifiche tecniche-Arredi', visibili al sopraindicato indirizzo internet. Sono disponibili all'indirizzo internet di cui al punto 1) le planimetrie dei locali della struttura che riportano la collocazione indicativa degli arredi (Allegato B del Capitolato, denominati PA 01/07).

CPV: 39130000-2

CUP: H18F0000020002

Importo presunto a base di gara: Euro 169.320,00= + IVA.

Determinazione n. 8287 e 9097 del 2010.

Finanziamento: contributi regionali.

4) Luogo di esecuzione: vedi capitolato d'appalto.

5) Soggetti ammessi alla gara: concorrenti di cui all'art. 34

D.Lgs. 163/06, costituiti da imprese singole, imprese riunite o consorziate ex artt. 35, 36 e 37 D.Lgs.163/06, ovvero che intendano riunirsi o consorziarsi ex art. 37, comma 8, D.Lgs.163/06.

Saranno ammesse anche operatori economici stabiliti in Stati diversi dall'Italia, alle condizioni previste dal D.Lgs. 163/06, e in particolare dagli articoli 34, comma1 lett. f-bis, 38, commi 4 e 5, 39, 44 e 47 dello stesso Decreto.

6) Indirizzo al quale dovranno essere inviate le offerte: vedi disciplinare di gara.

Ai sensi dell'art.36, comma 5, del D.Lgs. 163/06, e dell'art. 37, co. 7°, e' vietata la contemporanea partecipazione alla gara del consorzio stabile o del consorzio di cui all'art.34, comma 1 lett.b) e dei consorziati per i quali il consorzio concorre.

Ai sensi dell'art.36, comma 5, del D. Lgs 163/06 e' vietata la partecipazione a piu' di un consorzio stabile.

Ai sensi dell'art.37, comma 7, D.Lgs. 163/06, e' vietata la partecipazione alla gara in piu' di un raggruppamento temporaneo o consorzio ordinario di concorrenti, ovvero la partecipazione anche in forma individuale qualora il concorrente partecipi in raggruppamento o consorzio ordinario.

7) Requisiti di ordine generale: art. 38 D. Lgs. 163/06, cosi' come modificato da ultimo con l'art. 2 comma 19 lett. a) e b) della legge 15/07/2009 n. 94 , art.14 D. Lgs. 81/08 e art. 1 bis, comma 14, L.

383/2001, introdotto dall'art.1, comma 2, D.L 210/02 convertito in L.

266/02.

(Ai sensi del comma 1-bis dell'art.38 DLgs 163/2006, inserito dall'art.2, comma 19, lett.b) della L.15/07/2009, n.94, i casi di esclusione previsti dal medesimo articolo 38 non si applicano alle aziende o societa' sottoposte a sequestro o confisca ai sensi dell'articolo 12-sexies del decreto-legge 8 giugno 1992, n. 306, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 1992, n. 356, o della legge 31 maggio 1965, n. 575, ed affidate ad un custode o amministratore giudiziario o finanziario).

Ai sensi dell'art.38, comma 1, lettera m-quater, e comma 2, ultimo periodo, del D.Lgs n.163/2006, non saranno ammessi alla gara i concorrenti che si trovino, rispetto ad un altro partecipante alla presente procedura di affidamento, in una situazione di controllo di cui all'articolo 2359 del codice civile o in una qualsiasi relazione, anche di fatto, se la situazione di controllo o la relazione comporti che le offerte sono imputabili ad un unico centro decisionale. Ai sensi del medesimo art.34, comma 2, D.Lgs. 163/06, la Stazione appaltante escludera' dalla gara i concorrenti per i quali accertera' che le relative offerte sono imputabili ad un unico centro decisionale, sulla base di univoci elementi.

8) Requisiti di ordine speciale:

- a) fatturato relativo a forniture analoghe di arredi e/o complementi di arredo per ufficio prestate per Enti pubblici e/o Privati nei tre precedenti esercizi finanziari (2007-2008-2009) di importo complessivamente non inferiore ad Euro 500.000,00;

- b) elenco di forniture...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA