DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 29 settembre 2009, n. 263 - Regolamento recante la definizione dei comparti produttivi di intervento, i criteri e le modalita' per la concessione di finanziamenti per il rafforzamento della struttura finanziaria delle imprese di trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli di cui all'art. 7, commi da 43 a 46, della legge regionale 23 gennaio 2007, n. 1 (legge finanziaria 2007).

 
INDICE
ESTRATTO GRATUITO

(Pubblicato nel Bollettino ufficiale della Regione Friuli-Venezia Giulia n. 41 del 14 ottobre 2009) IL PRESIDENTE Vista la legge regionale 20 novembre 1982, n. 80 che ha istituito il Fondo di rotazione regionale per gli interventi nel comparto agricolo, sue integrazioni e modifiche;

Vlsto il regolamento (CE) n. 1998/2006 della Commissione, del 15 dicembre 2006, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell'Unione europea, n. L 379 del 28 dicembre 2006, relativo all'applicazione degli artt. 87 e 88 del Trattato CE agli aiuti d'importanza minore (de minimis);

Vista la legge regionale 23 gennaio 2007, n. 1 art. 7, commi da 43 a 46 (legge finanziaria 2007), ed in particolare il comma 43, che ha autorizzato la Regione Friuli-Venezia Giulia ad istituire un programma di interventi in agricoltura per la concessione di finanziamenti agevolati, erogati con le disponibilita' del Fondo di rotazione in agricoltura istituito con legge regionale 20 novembre 1982, n. 80, nel rispetto delle disposizioni comunitarie relative all'applicazione degli art. 87 e 88 del Trattato CE agli aiuti di importanza minore ('de minimis');

Visto il regolamento recante criteri e modalita' per la concessione di finanziamenti per il rafforzamento della struttura finanziaria delle imprese di trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli previsti dall'art. 7, commi da 43 a 46 della legge regionale n. 1/2007 ed approvato con proprio decreto 5 aprile 2007, n. 088/Pres ;

Visto il comma 67 dell'art. 3 della legge regionale 30 dicembre 2008, n 17 (legge finanziaria 2009) che ha abrogato a decorrere dal primo gennaio 2009 il predetto regolamento recante criteri e modalita' per la concessione di finanziamenti per il rafforzamento della struttura finanziaria delle imprese di trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli;

Vlsto il comma 66 dell'art. 3 della legge finanziaria 2009 predetta il quale, sostituendo il comma 46 dell'art. 7 della predetta legge finanziaria 2007, e quindi in riferimento al comma 43 dello stesso art. 7, dispone che 'Con regolamento regionale sono definiti i comparti produttivi di intervento, i criteri e le modalita' per la concessione dei finanziamenti di cui al comma 43';

Vista la legge regionale 4 marzo 2005, n. 4 (Interventi per il sostegno e lo sviluppo competitivo delle piccole e medie imprese del Friuli-Venezia Giulia, Adeguamento alla sentenza della Corte di Giustizia delle Comunita' europee 15 gennaio 2002, causa C-439/99, e al parere motivato della Commissione delle Comunita' europee del 7 luglio 2004) e successive modificazioni;

Vista la comunicazione della Commissione (Quadro di riferimento temporaneo comunitario per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell'accesso al finanziamento nell'attuale situazione di crisi finanziaria ed economica) pubblicata sulla Gazzetta ufficiale dell'Unione europea serie C n. 16/1 del 22 gennaio 2009;

Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 3 giugno 2009 (Modalita' di applicazione della Comunicazione della Commissione europea - quadro di riferimento temporaneo comunitario per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell'accesso al finanziamento nell'attuale situazione di crisi finanziaria ed economica);

Vista la decisione n. C(2009)4277 del 28 maggio 2009, relativa all'Aiuto di Stato n. N 248/2009 - Italia, della Commissione europea;

Vista la legge regionale 4 giugno 2009, n. 11 (Misure urgenti in materia di sviluppo economico regionale, sostegno al reddito dei lavoratore e delle famiglie accelerazione di lavori pubblici);

Visto il comma 1-bis dell'art. 12-bis della predetta legge regionale n. 4/2005, come inserito dal comma 6 dell'art. 14 della predetta legge regionale n. 11/2009, per il quale 'Per le finalita' di cui al comma 1 e subordinatamente all'approvazione del regime di aiuto nazionale da parte della Commissione europea, la Giunta regionale individua i canali contributivi ai quali si applicano le condizioni di cui alla comunicazione della Commissione europea del 17 dicembre 2008 (Quadro di riferimento temporaneo comunitario per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell'accesso al finanziamento nell'attuale situazione di crisi finanziaria ed economica), in merito alle quali puo' darsi corso a misure distinte in relazione alla tipologia di incentivi individuati dalla normativa regionale, anche con riferimento agli interventi per il credito agevolato alle attivita' economiche e produttive relativi ... (omissis) ... al Fondo di rotazione per interventi nel settore agricolo di cui alla legge regionale 80/1982';

Vista la deliberazione della Giunta regionale 24 giugno 2009, n.

1433 che individua, tra i canali contributivi ai quali si applicano le condizioni di cui alla Comunicazione della Commissione europea del 17 dicembre 2008, la linea incentivante di cui al capo I della legge regionale n. 4/2005, con riserva di integrare l'elenco con ulteriori regimi;

Ritenuto pertanto di predisporre un nuovo regolamento che tenga conto delle modifiche apportate al testo del comma 46 dell'art. 7 della legge finanziaria 2007 predetta nonche' di quanto previsto dalla predetta comunicazione della Commissione del 17 dicembre 2008 predetta, con riferimento alla lettera g) del punto 4.2. della medesima;

Conslderato che i suddetti finanziamenti sono concessi a titolo di aiuto 'de minimis' secondo quanto previsto dal predetto regolamento 1998/2006 della Commissione, del 15 dicembre 2006, pubblicato sulla Gazzetta...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA