Golden Bar (Securitisation) S.R.L.

 
ESTRATTO GRATUITO

Golden Bar (Securitisation) S.r.l., con sede in via P. Amedeo 11, Torino (Italia) presso lo Studio Bourlot-Gilardi-Romagnoli ("Golden Bar"), comunica che, in forza di un contratto di cessione di crediti, individuabili in blocco ai sensi dell'art. 4 della L. 130/99, concluso il 22 dicembre 2003 con effetto in pari data, ha acquistato pro-soluto da Santander Consumer Bank S.p.a. ("SCB"), con sede legale in via Nizza 262, Torino (Italia), p. IVA n. 05634190010, tutti i crediti (per capitale, interessi, anche eventualmente di mora, accessori, spese, ulteriori danni, indennizzi e quant'altro) di SCB derivanti da contratti di credito al consumo, risultanti dai libri contabili di SCB al 30 aprile 2010, classificati come crediti in bonis in base ai criteri adottati da SCB, in conformita' alla normativa emanata dalla Banca d'Italia, che presentano le seguenti caratteristiche (da intendersi cumulative salvo ove diversamente previsto): (a) contratti di credito al consumo retti dalla legge italiana; (b) contratti di credito al consumo classificati da SCB quali crediti in bonis in conformita' alla normativa emanata dalla Banca d'Italia; (c) contratti di credito al consumo erogati originariamente da SCB; (d) contratti di credito al consumo che prevedono, per ciascuna rata, il pagamento di capitale; (e) contratti di credito al consumo i cui debitori sono persone fisiche residenti in Italia; (f) contratti di credito al consumo che prevedono finanziamenti erogati in lire o in euro e denominati in euro; (g) contratti di credito al consumo con tasso di interesse a tasso fisso; (h) contratti di credito al consumo che prevedono un piano di rimborso mensile; (i) contratti di credito al consumo con un tasso annuo effettivo globale, di cui all'art. 122 del D. Lgs. 385/93 ("TUB"), applicabile a ciascun credito inferiore ai tassi usurai stabiliti sulla base dei decreti ministeriali attuativi della L. 108/96 e successive modificazioni, nonche' delle relative norme interpretative e di dettaglio; (j) contratti di credito al consumo appartenenti a una delle segg. quattro categorie di contratti di credito al consumo: (i) finanziamenti senza vincolo di destinazione, concessi ed erogati direttamente al debitore o a un soggetto da lui indicato, ma diverso dall'esercizio commerciale convenzionato, e denominati "prestiti personali", con un ammontare residuo per capitale compreso tra l'importo di € 155,82 e di € 44.174,14 e con un tasso nominale annuo determinato secondo le disposizioni della L. 154/92 e gli artt. 116-120 del TUB compreso tra 5,867% e 13,601%; (ii) finanziamenti vincolati esclusivamente all'acquisto di beni diversi dai beni di cui ai seguenti punti (iii) e (iv) o alle prestazioni di servizi, concessi al debitore ed erogati all'esercizio commerciale convenzionato, con un ammontare residuo per capitale...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA