CONCORSO (scad. 13 maggio 2010) - Concorso, per titoli, per l'accesso ai Centri sportivi agonistici della Marina militare di sei volontari in ferma prefissata quadriennale in qualita' di atleta.

 
ESTRATTO GRATUITO

IL DIRETTORE GENERALE Vista la legge 7 agosto 1990, n. 241, concernente nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi e successive modificazioni ed integrazioni;

Vista la legge 5 febbraio 1992, n. 91, concernente nuove norme sulla cittadinanza e successive modificazioni ed integrazioni;

Visto il decreto ministeriale 16 settembre 1993, n. 603, recante disposizioni di attuazione degli articoli 2 e 4 della legge 7 agosto 1990, n. 241 nell'ambito dell'amministrazione della difesa e successive modificazioni ed integrazioni;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 9 maggio 1994, n. 487 e successive modificazioni ed integrazioni, recante norme sull'accesso nelle pubbliche amministrazioni e le modalita' di svolgimento dei pubblici concorsi, dei concorsi unici e delle altre forme di assunzione nei pubblici impieghi;

Visto il decreto legislativo 12 maggio 1995, n. 196 e successive modificazioni ed integrazioni, concernente attuazione dell'art. 3 della legge 6 marzo 1992, n. 216 in materia di riordino dei ruoli, modifica alle norme di reclutamento, stato ed avanzamento del personale non direttivo e non dirigente delle Forze armate;

Vista la legge 15 maggio 1997, n. 127 e successive modificazioni ed integrazioni, concernente misure urgenti per lo snellimento dell'attivita' amministrativa e dei procedimenti di decisione e controllo;

Vista la legge 8 luglio 1998, n. 230, concernente nuove norme in materia di obiezione di coscienza, modificato ed integrato dalla legge 2 agosto 2007, n. 130;

Vista la legge 20 ottobre 1999, n. 380, concernente delega al governo per l'istituzione del servizio militare volontario femminile;

Visto il decreto legislativo 31 gennaio 2000, n. 24, concernente disposizioni in materia di reclutamento su base volontaria, stato giuridico e avanzamento del personale militare femminile nelle Forze armate e nel Corpo della guardia di finanza, a norma dell'art. 1, comma 3 della legge 20 ottobre 1999, n. 380;

Vista la legge 31 marzo 2000, n. 78 e successive modificazioni, che prevede, tra l'altro, l'emanazione ai sensi della legge 23 agosto 1988, n. 400, di un regolamento per disciplinare le modalita' per il reclutamento e il trasferimento ad altri ruoli per sopravvenuta inidoneita' alle specifiche mansioni del personale dei gruppi sportivi delle Forze di polizia e delle Forze armate;

Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 16 marzo 2000, n. 112 che ha modificato il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 22 luglio 1987, n. 411 nella parte relativa alla fissazione dei limiti di altezza per l'ammissione ai concorsi per il reclutamento del personale dell'Esercito, della Marina, dell'Aeronautica e dell'Arma dei carabinieri;

Visto il decreto ministeriale 4 aprile 2000, n. 114 emanato in applicazione dell'art. 1, comma 5 della precitata legge 20 ottobre 1999, n. 380, recante norme per l'accertamento dell'idoneita' al servizio militare, con annesso elenco delle imperfezioni ed infermita' che sono causa di inidoneita', che prevede, tra l'altro, che, in relazione alle esigenze di impiego, nei bandi di concorso possano essere richiesti specifici requisiti psico-fisici;

Vista la legge 14 novembre 2000, n. 331, concernente norme per l'istituzione del servizio militare professionale, e successive modificazioni ed integrazioni;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445 e successive modificazioni, con il quale e' stato approvato il testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa;

Visto l'art. 16 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, concernente le funzioni dei dirigenti di uffici dirigenziali generali;

Visto il decreto legislativo 8 maggio 2001, n. 215 e successive modificazioni ed integrazioni, recante disposizioni per disciplinare la trasformazione progressiva dello strumento militare in professionale, a norma dell'art. 3, comma 1 della legge 14 novembre 2000, n. 331;

Visto il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 e successive modificazioni ed integrazioni, concernente codice in materia di protezione dei dati personali;

Vista la legge 23 agosto 2004, n. 226, recante disposizioni sulla sospensione anticipata del servizio obbligatorio di leva e disciplina dei volontari di truppa in ferma prefissata, nonche' delega al Governo per il conseguente coordinamento con la normativa di settore;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 19 aprile 2005, n. 113, recante il regolamento per il reclutamento e il trasferimento ad altri ruoli del personale dei gruppi sportivi delle Forze armate;

Visto il decreto dirigenziale 5 dicembre 2005 emanato dalla direzione generale della sanita' militare con il quale e' stata approvata la direttiva tecnica riguardante l'accertamento delle imperfezioni e delle infermita' che sono causa di non idoneita' al servizio militare;

Visto il decreto dirigenziale 5 dicembre 2005 emanato dalla direzione generale della sanita' militare con il quale e' stata approvata la direttiva tecnica per delineare il profilo sanitario dei soggetti giudicati idonei al servizio militare;

Visto il decreto dirigenziale 6 dicembre 2005 emanato dalla direzione generale della sanita' militare con il quale sono state approvate le direttive tecniche riguardanti l'accertamento delle imperfezioni ed infermita' di cui all'art. 2, comma 3 del decreto ministeriale 4 aprile 2000, n. 114 e i criteri per delineare il profilo sanitario nel reclutamento dei militari atleti e istruttori;

Visto il decreto dirigenziale 20 settembre 2007 emanato dalla direzione generale della sanita' militare, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 224 del 26 settembre 2007, che apporta modifiche alla direttiva tecnica per delineare il profilo sanitario dei soggetti giudicati idonei al servizio militare, di cui al citato decreto dirigenziale emanato della stessa direzione generale il 5 dicembre 2005;

Visto il decreto dirigenziale 11 gennaio 2008 emanato dalla direzione generale della sanita' militare, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 15 del 18 gennaio 2008, con il quale e' stata emanata la direttiva applicativa dei decreti dirigenziali 30 agosto 2007 e 20 settembre 2007 della medesima direzione generale della sanita' militare, per la selezione, l'arruolamento, il reclutamento e l'impiego dei volontari in ferma prefissata e del personale in servizio permanente nelle Forze armate dei soggetti affetti da 'deficit G6PD';

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 3 agosto 2009, n. 145, concernente regolamento recante la riorganizzazione del Ministero della difesa;

Visto il foglio protocollo n. ISC/4/1/1076 del 10 febbraio 2010, con il quale l'ispettorato delle scuole della Marina militare ha inviato alla direzione generale per il personale militare gli elementi di programmazione per l'emanazione di un bando di concorso, per titoli, per il reclutamento, per l'anno 2010, di sei volontari in ferma prefissata quadriennale in qualita' di atleta;

Ravvisata l'esigenza di indire un concorso, per titoli, per il reclutamento di sei volontari in ferma prefissata quadriennale in qualita' di atleta;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 16 settembre 2008, concernente la sua nomina a direttore generale per il personale militare;

Decreta:

Art. 1

Posti a concorso 1. E' indetto un concorso pubblico, per titoli, per l'accesso ai centri sportivi agonistici della Marina militare di sei volontari in ferma prefissata quadriennale in qualita' di atleta, ripartiti nelle discipline/specialita' di seguito indicate:

  1. canottaggio, specialita' olimpica: un atleta di sesso maschile;

  2. vela, specialita' classe 470: due atleti di sesso maschile;

  3. tiro a volo, specialita' double trap: un atleta di sesso maschile;

  4. canoa/kayak, specialita' kayak olimpico: un atleta di sesso femminile;

  5. nuoto, specialita' nuoto di fondo distanza 5-10 km: un atleta di sesso femminile.

    1. In caso di mancata copertura dei posti per una o piu' delle specialita' tra quelle sopra indicate l'Amministrazione della difesa si riserva la facolta' di devolvere gli stessi ad altra specialita' tra quelle indicate al precedente comma 1.

    2. Resta impregiudicata per l'amministrazione la facolta' di revocare il presente bando di concorso, modificare il numero dei posti, anche per singole discipline/specialita', annullare, sospendere o rinviare lo svolgimento delle attivita' previste dal concorso o le ammissioni anche per singole discipline/specialita' alla ferma prefissata quadriennale in qualita' di atleta dei vincitori, in ragione di esigenze attualmente non valutabili ne' prevedibili, ovvero in applicazione di leggi di bilancio dello Stato o finanziarie o di disposizioni di contenimento della spesa pubblica.

    In tal caso, l'Amministrazione della difesa provvedera' a dare formale comunicazione mediante avviso pubblicato nella Gazzetta Ufficiale - 4ª serie speciale - concorsi.

    Art. 2

    Requisiti di partecipazione 1. Possono partecipare al concorso i concorrenti che, alla data di scadenza del termine di presentazione delle domande siano in possesso dei seguenti requisiti:

  6. cittadinanza italiana;

  7. godimento dei diritti civili e politici;

  8. eta' non inferiore a diciotto anni compiuti e non superiore ai trenta anni compiuti alla data di scadenza del termine di...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA