Sentenza nº 2579 da Consiglio di Stato, 20 Maggio 2014

Data di Resoluzione:20 Maggio 2014
Emittente:Consiglio di Stato
 
ESTRATTO GRATUITO

Il Consiglio di Stato

in sede giurisdizionale (Sezione Terza)

ha pronunciato la presente

DECISIONE

Gianpiero Paolo Cirillo, Presidente

Salvatore Cacace, Consigliere

Bruno Rosario Polito, Consigliere

Lydia Ada Orsola Spiezia, Consigliere

Alessandro Palanza, Consigliere, Estensore

per l'ottemperanza

della sentenza del T.A.R. UMBRIA - PERUGIA: SEZIONE I n. 00443/2013, resa tra le parti, concernente esecuzione del giudicato formatosi su sentenza del Tribunale di Terni sez. lavoro n. 257/08; confermata dalla sentenza della Corte di Appello di Perugia sez. lav. n. 246/2010 - corresponsione somme a titolo di contributi previdenziali - ris. Danno;

sul ricorso numero di registro generale 8381 del 2013, proposto da:

Giulio Menichini, Danilo Fabbretti, Roberto Barzetta, Saverio De Nardo, Nora Duskova, Maria Antonietta Fiorina, Donatella Granati, Giorgio Margaritelli, Angelica Mazzocanti, Maria Antonietta Neri, Benedetto Paolo Onofri, Daniela Paterni, Roberto Pettorossi, Isabella Rizzi, Massimo Sabatini, Lorella Latini, Sandro Vittori, Maria Maisto, rappresentati e difesi dall'avv. Carlo Calvieri, con domicilio eletto presso Marcello Cardi in Roma, viale Bruno Buozzi, n. 51;

Azienda Unità Sanitaria Locale Umbria 2 (già Azienda Unitaria n. 4 di Terni), rappresentata e difesa dall'avv. Patrizia Bececco, con domicilio eletto presso Anna Maria Pitzolu in Roma, corso Regina Maria Pia, n.18a;

Visti il ricorso in appello e i relativi allegati;

Visto l'atto di costituzione in giudizio di Azienda Unità Sanitaria Locale Umbria 2 (già Azienda Unitaria n. 4 di Terni);

Viste le memorie difensive;

Visto l 'art. 114 cod. proc. amm.;

Visti tutti gli atti della causa;

Relatore nella camera di consiglio del giorno 13 febbraio 2014 il Cons. Alessandro Palanza e uditi per le parti gli avvocati Calvieri e Capponi su delega di Bececco;

Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue.

FATTO e DIRITTO

  1. - I signori Giulio Menichini, Danilo Fabbretti, Roberto Barzetta, Saverio De Nardo, Nora Duskova, Maria Antonietta Fiorini, Donatella Granati, Giorgio Margaritelli, Angelica Mazzocanti, Maria Neri, Benedetto Paolo Onofri, Daniela Paterni, Roberto Pettorossi, Isabella Rizzi, Massimo Sabatini, Lorella Latini, Sandro Vittori, Maria Maisto da loro proposto per l'esecuzione del giudicato interno formatosi a seguito della sentenza del Tribunale di Terni, Sez. lavoro, n. 257, depositata in data 11.11.2008. Il ricorso per ottemperanza in primo grado assume che tale sentenza non è stata appellata sul punto e che la definitività in parte qua è stata confermata dalla successiva sentenza della Corte d'Appello di Perugia, Sez. lav., n. 426/2010, depositata in data 31 gennaio 2011, con riguardo alla statuizione, costituente capo autonomo della sentenza, che ha dichiarato l'obbligo della Azienda U.S.L. n. 4 di Terni di quantificare i contributi previdenziali dovuti all'ENPAM sulla base del compenso lordo omnicomprensivo corrisposto ai ricorrenti, con consequenziale condanna dell'Azienda al versamento delle differenze contributive maturate dall?1 gennaio 2002 al 30 settembre 2006, oltre agli interessi legali dalla maturazione di ogni singola voce di credito al soddisfo.

  2. - La sentenza ha respinto il ricorso affermando che il dispositivo della sentenza n. 426/2010 della Corte d'Appello di Perugia prevede il rigetto del ricorso e, secondo il consolidato insegnamento della Corte...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA