Sentenza nº 45 da Corte Costituzionale, 04 Marzo 2008

Relatore:Gaetano Silvestri
Data di Resoluzione:04 Marzo 2008
Emittente:Corte Costituzionale
 
ESTRATTO GRATUITO

SENTENZA N. 45

ANNO 2008

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE COSTITUZIONALE

composta dai signori:

- Franco†††††††††††††† BILE†††††††††††††††††††††††††††††††††††††††††††††††† Presidente

- Giovanni Maria † FLICK††††††††††††††††††††††††††††††††††††††††††††††† Giudice

- Francesco††††††††† AMIRANTE†††††††††††††††††††††††††††††††††††††††††††† î

- Ugo†††††††††††††††††† DE SIERVO†††††††††††††††††††††††††††††††††††††††††††† î

- Alfio††††††††††††††††† FINOCCHIARO†††††††††††††††††††††††††††††††††††††† î

- Alfonso††††††††††††† QUARANTA††††††††††††††††††††††††††††††††††††††††††† î

- Luigi††††††††††††††††† MAZZELLA†††††††††††††††††††††††††††††††††††††††††††† î

- Gaetano†††††††††††† SILVESTRI††††††††††††††††††††††††††††††††††††††††††††† î

- Sabino†††††††††††††† CASSESE††††††††††††††††††††††††††††††††††††††††††††††† î

- Maria Rita††††††††† SAULLE††††††††††††††††††††††††††††††††††††††††††††††††† î

- Giuseppe††††††††††† TESAURO†††††††††††††††††††††††††††††††††††††††††††††† î

- Paolo Maria††††††† NAPOLITANO††††††††††††††††††††††††††††††††††††††† î

ha pronunciato la seguente SENTENZA

nel giudizio di legittimit‡ costituzionale dellíart. 1, commi 796, lettera n), e 808, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato ñ legge finanziaria 2007), promosso con ricorso della Regione Veneto, notificato il 23 febbraio 2007, depositato in cancelleria il 1∞ marzo 2007 ed iscritto al n. 10 del registro ricorsi 2007.

Visto líatto di costituzione del Presidente del Consiglio dei ministri;

udito nellíudienza pubblica del 12 febbraio 2008 il Giudice relatore Gaetano Silvestri;

uditi gli avvocati Mario Bertolissi e Andrea Manzi per la Regione Veneto e líavvocato dello Stato Massimo Salvatorelli per il Presidente del Consiglio dei ministri. Ritenuto in fatto

  1. ñ La Regione Veneto ha promosso, con ricorso notificato il 23 febbraio 2007 e depositato il successivo 1∞ marzo, questioni di legittimit‡ costituzionale di numerose disposizioni dellíart. 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato ñ legge finanziaria 2007), e, tra queste, dei commi 796, lettera n), e 808, in riferimento agli artt. 3, 97, 117, 118 e 119 della Costituzione ed al principio di leale collaborazione di cui agli artt. 5 e 120, secondo comma, Cost. e 11 della legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 (Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione).

    1.1. ñ Preliminarmente, la ricorrente sottolinea come il legislatore, con le norme di cui al censurato comma 796, abbia dato attuazione al ´Patto nazionale per la saluteª, stipulato dal Governo, dalle Regioni e dalle Province autonome di Trento e di Bolzano in data 28 settembre 2006. Tale patto Ë richiamato nel primo inciso del comma 796, in cui si legge: ´Per garantire il rispetto degli obblighi comunitari e la realizzazione degli obiettivi di finanza pubblica per il triennio 2007-2009, in attuazione del protocollo di intesa tra il Governo, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano per un patto nazionale per la salute sul quale la Conferenza delle regioni e delle province autonome, nella riunione del 28 settembre 2006, ha espresso la propria condivisioneª.

    La lettera n) del comma 796, nella formulazione originaria, oggetto della censura regionale, stabiliva che, ´ai fini del programma pluriennale di interventi in materia di ristrutturazione edilizia e di ammodernamento tecnologico, líimporto fissato dallíarticolo 20 della legge 11 marzo 1988, n. 67, e successive modificazioni, come rideterminato dallíarticolo 83, comma 3, della legge 23 dicembre 2000, n. 388, Ë elevato a 20 miliardi di euro, fermo restando, per la sottoscrizione di accordi di programma con le regioni e líassegnazione di risorse agli altri enti del settore sanitario interessati, il limite annualmente definito in base alle effettive disponibilit‡ di bilancio. Il maggior importo di cui alla presente lettera Ë vincolato per 500 milioni di euro alla riqualificazione strutturale e tecnologica dei servizi di radiodiagnostica e di radioterapia di interesse oncologico con prioritario riferimento alle regioni meridionali ed insulari, per 100 milioni di euro ad interventi per la realizzazione di strutture residenziali dedicate alle cure palliative con prioritario riferimento alle regioni che abbiano completato il programma realizzativo di cui allíarticolo 1, comma 1, del decreto-legge 28 dicembre 1998, n. 450, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 febbraio 1999, n. 39, e che abbiano avviato programmi di assistenza domiciliare nel campo delle cure palliative, per 100 milioni di euro allíimplementazione e allíammodernamento dei sistemi informatici delle aziende sanitarie ed ospedaliere e allíintegrazione dei medesimi con i sistemi informativi sanitari delle regioni e per 100 milioni di euro per strutture di assistenza odontoiatrica. Il riparto fra le regioni del maggiore importo di cui alla presente lettera Ë effettuato con riferimento alla valutazione dei bisogni relativi ai seguenti criteri e linee prioritarie:1) innovazione tecnologica delle strutture del Servizio sanitario nazionale, con particolare riferimento alla diagnosi e terapia nel campo dellíoncologia e delle malattie rare;2) superamento del divario Nord-Sud;3) possibilit‡ per le regioni che abbiano gi‡ realizzato la programmazione pluriennale, di attivare una programmazione aggiuntiva; 4) messa a norma delle strutture pubbliche ai sensi dellíatto di indirizzo e coordinamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 14 gennaio 1997, pubblicato nel supplemento ordinario n. 37 alla Gazzetta Ufficiale n. 42 del 20 febbraio 1997;5) premialit‡ per le regioni sulla base della tempestivit‡ e della qualit‡ di interventi di ristrutturazione edilizia e ammodernamento tecnologico gi‡ eseguiti per una quota pari al 10 per centoª. 1.1.1. ñ La Regione Veneto ritiene che la norma di cui allíart. 1, comma 796, lettera n), della legge n. 296 del 2006, incida sulle materie ´tutela della saluteª, di competenza legislativa concorrente, ed ´edilizia sanitariaª di competenza residuale delle Regioni ai sensi dellíart. 117, quarto comma, Cost.

    Per queste ragioni la norma impugnata, ´aumentando uno stanziamento preesistente e vincolandolo alle summenzionate precise destinazioni, perpetua ed aggrava líesistenza di un intervento statale che, in materie di competenza esclusiva o concorrente della Regione, a seguito della riforma del titolo V, non Ë pi˘ compatibile con il dettato costituzionale degli artt. 117 e 119 Cost.ª.

    In particolare, la ricorrente osserva come la norma di cui alla lettera n) del comma 796 preveda un finanziamento a destinazione vincolata che non ha le caratteristiche nÈ del fondo perequativo previsto dallíart. 119, terzo comma, Cost., nÈ degli speciali stanziamenti di cui al quinto comma della medesima disposizione costituzionale. Pertanto, la norma impugnata violerebbe il citato art. 119 Cost. e, ´di conseguenzaª, gli artt. 117 e 118 Cost.

    1.1.2. ñ In via subordinata, qualora la Corte costituzionale ritenesse di dover ricondurre la previsione di cui alla lettera n) del comma 796 alla fattispecie prevista dallíart. 119, quinto comma, Cost., la Regione Veneto rileva la violazione del principio di leale collaborazione, in...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA