Ordinanza nº 24 da Corte Costituzionale, 19 Gennaio 2005

Relatore:Romano Vaccarella
Data di Resoluzione:19 Gennaio 2005
Emittente:Corte Costituzionale
 
ESTRATTO GRATUITO

ORDINANZA N.24

ANNO 2005

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE COSTITUZIONALE

composta dai signori:

-  Valerio                                 ONIDA                                              Presidente

-  Carlo                                   MEZZANOTTE                                   Giudice

-  Guido                                   NEPPI MODONA                                     “

-  Piero Alberto                       CAPOTOSTI                                             “

-  Annibale                              MARINI                                                     “

-  Franco                                 BILE                                                           “

-  Giovanni Maria                    FLICK                                                                  “

-  Francesco                            AMIRANTE                                               “

-  Romano                               VACCARELLA                                         “

-  Paolo                                   MADDALENA                                          “

-  Alfio                                    FINOCCHIARO                                        “

-  Alfonso                                QUARANTA                                             “

-  Franco                                 GALLO                                                     “

ha pronunciato la seguente

ORDINANZA

nei giudizi di legittimità costituzionale degli artt. 34 e 35, comma 1, del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 80 (Nuove disposizioni in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nelle amministrazioni pubbliche, di giurisdizione nelle controversie di lavoro e di giurisdizione amministrativa, emanate in attuazione dell’articolo 11, comma 4, della legge 15 marzo 1997, n. 59), nel testo previgente alla legge 21 luglio 2000, n. 205, promossi con ordinanze del 14 maggio 2003 dal Tribunale di Vallo della Lucania, del 26 marzo, dell’11 e del 18 giugno e del 2 luglio 2003 dal Tribunale di Messina, del 18 agosto 2003 dal Giudice istruttore del Tribunale di Aosta, del 12 giugno 2003 dal Tribunale di Messina, del 2 aprile 2003 dal Tribunale di Bolzano, del 1° ottobre 2003 dal Tribunale di Vallo della Lucania e del 7 gennaio 2002 dal Tribunale di Teramo, sezione distaccata di Atri, rispettivamente iscritte ai nn. 611, 621, 740, 741, 754, 818, 878, 1064 e 1142 del registro ordinanze 2003 ed al n. 435 del registro ordinanze 2004 e pubblicate nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica nn. 35, 38, 42, 44 e 50, prima serie speciale, dell’anno 2003, n. 2, prima serie speciale, dell’anno 2004 e nella edizione straordinaria del 3 giugno 2004.

         Visti gli atti di intervento del Presidente del Consiglio dei ministri;

         udito nella camera di consiglio del 1° dicembre 2004 il Giudice relatore Romano Vaccarella.

         Ritenuto che il Tribunale di Vallo della Lucania, con due ordinanze di contenuto pressoché identico, l’una del 14 maggio 2003 (r.o. n. 611 del 2003) e l’altra del 1° ottobre 2003 (r.o. n. 1142 del 2003), ha sollevato, in relazione all’art. 76 della Costituzione, questione di legittimità costituzionale dell’art. 34 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 80 (Nuove disposizioni in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nelle amministrazioni pubbliche, di giurisdizione nelle controversie di lavoro e di giurisdizione amministrativa, emanate in attuazione dell’articolo 11, comma 4, della...

Per continuare a leggere

RICHIEDI UNA PROVA